L’economia di tutto il mondo è ormai basata essenzialmente su transazioni telematiche che rendono il tutto molto più semplice e veloce, la necessità di spostare somme di denaro sempre più grosse ha reso necessario l’uso del denaro telematico rispetto a quello cartaceo che va sempre più scomparendo, soprattutto se si parla di macro finanza e non dei piccoli consumatori, che in ogni caso a loro volta si stanno sempre più abituando ad usare carte di credito e di debito per le loro spese, data la comodità di non portare mai con se denaro.
Al contrario delle carte di credito che offrono solitamente un fido al proprietario della carta stessa e che molto spesso sono vincolate ad un conto corrente bancario (anche se non sempre), le carte di debito o prepagate sono carte che funzionano in un modo simile alle comuni carte che tutti conoscono, ma che non sono dotate di fido e non si può quindi nemmeno andare in rosso, che è uno dei problemi più popolari di coloro che usano in modo scriteriato le carte di credito.  Utilizzando una carta di debito, si potrà caricare quanto denaro si ritiene necessario, fino alla somma massima consentita dalla carta stessa, (la carta solitamente costa 5 Euro e caricarla ha il costo di 1 o 2 Euro per operazione), un costo che è niente se paragonato all’utilità di uno strumento come questo che non ha vincoli legati al conto corrente, quindi spese e estratti conto vari sempre noiosi, avrete il vostro bilancio e semplicemente la utilizzarete come un serbatoio di denaro dal quale attingere tramite gli ATM se vorrete (anche all’estero in quasi tutti i paesi del mondo) e se invece preferirete potrete pagare direttamente i prodotti che desidererete comprare sia dal vivo che ovviamente tramite Internet. La comodità di questa carta è che non essendo legata a nessun conto saprete subito quanto avete ancora di saldo e se qualcuno preleverà del denaro a vostra insaputa in ogni caso avrà un limite molto basso di movimenti.
Non si può negare che la comodità del mondo legate alle carte di credito e debito è incredibile e non si può forse nemmeno capire come si potrebbe tornare indietro ad usare il denaro fisico. Bisognerebbe però fermarsi a pensare a quanto si sta perdendo il contatto con la realtà e come si stia affidando tutto agli istituti di credito, sperando che questi enti non si approfittino del potere immenso che si è accentrato nelle loro mani. La fiducia potrebbe anche essere mal riposta, ma la comodità delle transazioni fà si che si possa anche sorvolare su questi “piccoli” dettagli.

Add Comment

Required fields are marked *. Your email address will not be published.