Uno dei prestiti più diffusi in assoluto, oltre che uno dei più facili da richiedere, è la cessione del quinto dello stipendio, finanziamento riservato esclusivamente a lavoratori dipendenti, sia del settore privato che di quello pubblico (sul sito GuidaCessione trovate informazioni più dettagliate sulla distinzione tra i due). Quali sono i vantaggi di questo finanziamento e perché è così diffuso?

Convenienza dei tassi e delle condizioni generali. I tassi di interesse applicati al prestito sono, di solito, più bassi rispetto a quelli che vengono applicati a finanziamenti concessi ai lavoratori autonomi. La ragione di questa scelta è semplice: il dipendente, avendo un TFR che viene automaticamente fornito come garanzia di rimborso del credito e un contratto di lavoro che assicura una certa entrata fissa mensile (meglio se a tempo indeterminato), offre maggiori sicurezze e garanzie per la società finanziaria, che dunque può “permettersi” di concedere dei finanziamenti più convenienti.

Anche per chi ha un contratto a termine o è neoassunto. A seconda del lavoro che si fa è possibile richiedere un prestito anche se si ha un contratto di lavoro a termine (come quello di un lavoratore atipico) oppure se si è stati assunti da poco (meno di 6 mesi).

Possibilità di rifinanziare la cessione del quinto. Nel caso in cui cambino le proprie condizioni lavorative nel corso della fase di rimborso del prestito si può sempre richiedere un rifinanziamento della cessione del quinto, praticamente un nuovo prestito che viene concesso per un importo pari al residuo del primo finanziamento.

Anche per cattivi pagatori e protestati. I dipendenti che hanno avuto problemi finanziari in passato e oggi si ritrovano nella necessità di richiedere un prestito, possono farlo senza problemi tramite la cessione del quinto poiché le garanzie di cui abbiamo parlato prima (lavoro dipendente e TFR) sono solitamente sufficienti, per la banca o per la finanziaria, per concedere ugualmente un prestito anche se la propria storia creditizia non è così immacolata.

Add Comment

Required fields are marked *. Your email address will not be published.